Alman Music News

NAPOLI ANCORA (More Traditional Naples Songs in Nu-Jazz, Bossa & Lounge Experience) - Da venerdì 10 novembre il nuovo album di NO-LOUNGE dedicato alla canzone partenopea.

Sull'onda del successo dell'album  NAPOLI (Traditional Naples Songs in Nu-Jazz, Bossa & Lounge Experience), e spronato dalle tante richieste,  il gruppo NO-LOUNGE pubblica un nuovo lavoro dedicato alla canzone partenopea. NAPOLI ANCORA (Alman Music / Self) rappresenta il naturale seguito dell'album pubblicato nel 2013 che, collocatosi nelle classifiche delle release più scaricate in diversi paesi del mondo e sempre presente nella classifica jazz italiana di iTunes, è considerato oggi un classico del repertorio Nu-Jazz / Lounge Music.

Ancora una volta I trascorsi e le esperienze musicali di Stefano Dall'Osso, dal Jazz al Sudamericano e dallo Swing al Blues, si incontrano con il calore mediterraneo della voce di Virginia Mancaniello in un’accurata ed internazionale rivisitazione del grande repertorio della canzone Napoletana.  Quindici nuove canzoni tratte dal più grande repertorio partenopeo in cui, fra brani classici come "Munasterio 'e Santa Chiara" ed un po' più recenti, come "Tu vuò fa' l'americano" , non manca un pensiero a Pino Daniele con "Napule è". Quindici nuovi arrangiamenti ancora una volta interpretati con la partecipazione di alcuni fra i più grandi musicisti del panorama jazz e pop italiano: Teo Ciavarella, Roberto Bartoli, Gabriele Palazzi Rossi, Flavio Piscopo, Andrea Morelli, Maurizio Piancastelli, Claudio Napolitano, Giorgio Santisi, Stefano Medioli, Leonardo Ghezzi, Piero Innati e Massimo Poggi.

Il duo presenterà il nuovo album nel giorno dell'uscita in un DJ-Set presso "la Feltrinelli Megastore" in P.zza dei Martiri a Napoli alle ore 18:00

 

MAKING-OF VIDEO

INFO | FREE STREAMING | DOWNLOAD

 

 

Anticipato dal singolo "Estate perduta" il nuovo album del cantautore riminese Massimo Marches è disponibile dal 13 ottobre in cd o in tutti i digital store.

Si chiama "STATUE", sottotitolato dall'autore "Discolungo" non tanto per la durata (in realtà non di molto superiore alla media di quelli che un tempo si definivano long play) quanto per il tempo che è stato necessario per concepirlo durante l'incessante attività dell'artista. Negli ultimi anni infatti come autore e chitarrista (in studio e dal vivo), Massimo Marches ha affiancato numerosi e importanti artisti attraverso esperienze che lo hanno portato sui più importanti palchi italiani: dal Premio Tenco con Filippo Graziani nel 2014 allo scorso Festival di Sanremo a fianco di Braschi.

Prodotto e realizzato dallo stesso Marches, "Statue" è un album cantautorale, incentrato sulla voce e sulle calde sonorità acustiche principalmente presentate da un combo di chitarra, pianoforte e violoncello. A distanza di sette anni dal primo “Le stagioni di un tempo”, il nuovo progetto evidenzia la maturazione e l'esperienza di tutti i musicisti, autori e tecnici che ne fanno parte. Un lavoro realizzato insieme ai collaboratori di sempre, Tommy Graziani, Marco Mantovani, Giacomo De Paoli e Cristian Bonato e in cui trovano spazio anche episodi strumentali, impreziositi dalla presenza agli archi dei fratelli Gionata e Andrea Costa (Quintorigo) diretti dal giovane Federico Mecozzi (già violino a fianco di Ludovico Einaudi) che aggiungono un taglio a tratti cinematografico. Tra gli ospiti anche Filippo Malatesta che duetta con Marches nella cover della sua “Meteo”, il Duo Bucolico e Braschi nella delirante “La forma della star” e ancora Andrea Amati che firma “Altrove”. Chiude l'album una singolare suite di cinque brani, in parte canzoni e in parte strumentali, in cui cantano anche Giuseppe Righini e Massimo Modula.

I testi e le atmosfere conferiscono al nuovo album un sapore malinconico ma sempre positivo. "Le “statue naufragate” sono le cose che ci teniamo dentro, gli errori che restano ma che divengono parte di un percorso [...]. Anche le canzoni che parlano di amori finiti, come “Estate Perduta” o “Altrove”, guardano sempre avanti, al futuro e al cambiamento come evoluzione".

Il primo estratto, la canzone "Estate perduta", è stato presentato in anticipo di tre settimane rispetto all'uscita dell'album ed è entrato in rotazione radiofonica dal 20 di settembre, non a caso, ultimo giorno d'estate. Il videoclip del brano, realizzato sotto la regia di Simone Casadio Pirazzoli è uscito in anteprima esclusiva sul sito del quotidiano La Stampa. Il video, girato su di un'isola deserta nell'Adriatico, poco fuori il Parco Regionale Veneto del Delta del Po (dal 1999 patrimonio dell'umanità) vede come protagonista la bellissima Penelope Landini.

 

INFO | FREE STREAMING | DOWNLOAD

 

 

Disponibile da venerdì 6 ottobre in tutti i negozi e digital store il nuovo album della BiFunk Brass Band. L'esplosivo ensemble di 15 elementi mescola le sonorità funk metropolitane con le atmosfere jazz delle street band. Nel loro On The Funky Side of the Street il gruppo interpreta nove brani inediti oltre agli arrangiamenti di quattro pietre miliari del repertorio jazz e funk: Us, Pick Up the Pieces, St. Thomas, I Feel Good.

L'uscita dell'album è accompagnata dal videoclip della traccia Carpe Diem in cui il regista Simone Casadio Pirazzoli immortala la performance della band in un limbo fotografico bianco.

Energia pura da ascoltare, da vedere e da ballare!

 

INFO | DOWNLOAD | FREE STREAMING

 

 

Da venerdì 29 settembre in tutti i negozi e digital store il nuovo album GYPSY WANDERLUST (Hot Jazz Around the World) degli ALMA SWING con la partecipazione straordinaria di FRANCO CERRI

Il quartetto degli Alma Swing (Mattia Martorano, Lino Brotto, Andrea Boschetti e Giuseppe Pilotto) è oggi considerato una delle principali realtà italiane rappresentative di quella tradizione tipicamente europea, quale è stata tra anni Trenta e Quaranta, ed è a tutt’oggi, lo hot jazz contaminato dalla cultura nomade manouche dell'Europa continentale, dalla mondanità parigina e dalla swing craze afro-americana. Defilandosi dall’esperienza d’oltre oceano, Alma Swing raccoglie infatti le basi estetiche di un jazz a corde legato al chitarrismo di Django Reinhardt e alla finesse di Stéphane Grappelli, aprendo alla modernità, attraverso una varietà di programmi e di proposte di spettacolo, i contenuti più peculiari di questa musica, a cominciare da repertorio, prassi esecutiva, strumentazione tipica e sovrapposizione dell’idioma jazzistico e gitano. Con la silhouette dell’orchestra rétro e un organico acustico in cui rimangono protagonisti le tipiche chitarre manouche ed il violino, Alma Swing interpreta con personalità le suggestioni di un'epoca impresse nel vinile e nella voce dei grammofoni, sottolineando l'attualità e il successo ancora oggi tributati a questa esperienza artistica.

Dopo aver dedicato un primo album a Django Reinhardt (Rythme Futur) ed un secondo all'interessante rilettura in chiave djangoista di alcune tra le più celebri canzoni della tradizione italiana (Django en Italie), il gruppo presenta il suo nuovo progetto fondendo questa volta nello hot jazz parigino sapori ben più lontani. In questo Gypsy Wanderlust (pubblicato da Cose Sonore / Alman Music) il quartetto propone infatti un repertorio basato principalmente su proprie composizioni ispirate alle suggestioni letterarie del "Giro del mondo in 80 giorni" con brani come "Hong Kong Alley Cat", "Tanguera", "Sweet Suez" o "Waiting Room Harlem Station". Nelle uniche due cover "Bluesette" e "Nuages", ad impreziosire l'album, la presenza del chitarrista icona del jazz Franco Cerri.

 

INFO | |DOWNLOAD | FREE STREAMING

 

 

Da oggi in rotazione radiofonica e disponibile in tutti i digital store il nuovo singolo di Massimo Marches "Estate Perduta". La canzone anticipa l'uscita dell'album "Statue" fissata per il 13 ottobre.

Prodotto e realizzato dallo stesso Marches, "Statue" sarà un album cantautorale, incentrato sulla voce e dalle calde sonorità acustiche principalmente presentate da un combo di chitarra, pianoforte e violoncello. Un lavoro realizzato insieme ai collaboratori di sempre, Tommy Graziani, Marco Mantovani, Giacomo De Paoli e Cristian Bonato ed in cui troveranno spazio anche episodi strumentali, impreziositi dalla presenza agli archi dei fratelli Gionata e Andrea Costa (Quintorigo) diretti dal giovane Federico Mecozzi. Tra gli ospiti anche Filippo Malatesta, il Duo bucolico e Braschi.

In anteprima oggi con LA STAMPA anche il videoclip di "Estate Perduta" girato sotto la regia di Simone Casadio Pirazzoli su di un'isola deserta nell'Adriatico, poco fuori il Parco Regionale Veneto del Delta del Po (dal 1999 patrimonio dell'umanità) con protagonista la bellissima Miss Romagna Penelope Landini.

 

 

INFO | FREE STREAMING | DOWNLOAD

 

 

Il 2017 segna una ricorrenza importante per la storia della riproduzione del suono e della discografia essendo il 140° anniversario della nascita del fonografo e il 100° della commercializzazione del primo disco della storia.

Nel 1877 venne infatti realizzato negli USA ad opera di Thomas Edison il primo prototipo di machina parlante (o fonografo) mentre esattamente un secolo fa, a New Orleans, l'Original Dixieland Jass Band incideva per la prima volta il brano "Tiger Rag" con lo scopo di immettere sul mercato il primo disco della storia. 

Il prossimo 15 luglio la Tiger Dixie Band, che prende il nome proprio dallo storico titolo "Tiger Rag" sarà protagonista dell'evento creato in occasione della mostra ArcheoPhonica ideata, allestita e curata dal collezionista e ricercatore indipendente Francesco Gigliotti in collaborazione con le Associazioni Culturali “Officina delle Articolate” e “Uscita-Ausweg” presso la Galleria Civica di Bolzano per celebrare l'importante ricorrenza. Oltre ad esibirsi in concerto, con la collaborazione e l'intervento del Prof. Normann Bruderhof di Berlino la Band inciderà il brano "Tiger Rag" su cilindro fonografico esattamente come si faceva cent'anni fa. Attraverso l'azienda inglese Vulcan Records che ancora oggi si occupa di produrre, recuperare e replicare cilindri fonografici, verranno poi create copie della registrazione originale, sempre su cilindro fonografico, destinate ad appassionati e collezionisti. 

La Tiger Dixie Band è una delle più importanti realtà a livello internazionale dedicata sistematicamente al recupero del Jazz degli “anni ruggenti”. Per quanto l'approccio interpretativo sia originale ed attuale, le atmosfere tipiche del New Orleans e del Chicago Style, del Charleston e del Ragtime, sono filologicamente rispettate nel timbro e nello spirito, anche per via dell’utilizzo di alcuni strumenti originali dell’epoca. La band propone inoltre, attraverso diverse pubblicazioni, la rilettura nella prassi esecutiva del dixieland di celebri repertori: dopo la recente pubblicazione dedicata alla reinterpretazione di alcune fra le più grandi opere dei compositori classici europei con l'album "Classical in Dixieland" (Cose Sonore / Alman Music), dopo l'estate sarà disponibile "A Walk to Dixneyland" dedicato al lascito disneyano che dalla fine del secolo scorso, attraverso film per ragazzi e cartoon, ha indelebilmente influenzato l'ascolto del pubblico occidentale.

 

L'appuntamento è per sabato 15 luglio presso la Galleria Civica di Bolzano alle ore 17,00.

Info:   http://www.comune.bolzano.it/cultura_context.jsp?ID_LINK=747&area=48

Da oggi disponibile in CD o nei principali digital store IN THIS LIFE, il primo album degli UKULELE LOVERS.

Ha detto George Harrison: "Tutti dovrebbero avere e suonare un ukulele; è così facile portarlo con sé ed è uno strumento che non puoi suonare senza ridere!… Quindi prendetevene un po' e divertitevi!". L’ukulele è proprio questo: offre la preziosa certezza di essere ognuno parte integrante del gruppo e sa trasmettere l’aspetto giocoso nell’affrontare lo studio e l’approfondimento artistico.

Affascinato proprio da questa grande virtù del piccolo strumento, il chitarrista rodigino Andrea Boschetti crea un ensemble vocale/strumentale formato da cantanti e musicisti attivi nella musica classica, pop e jazz, ma anche da pittori, tecnici teatrali ed addirittura agricoltori (biologici). Amici nella vita quotidiana e felici di poter costruire un progetto artistico comune, gli Ukulele Lovers diventano presto non solo un punto di riferimento per gli appassionati dell'ukulele ma anche un esempio di come il piacere di condividere "l'arte dell'incontro" sia veramente lo spirito vincente con il quale affrontare la musica.

Attraverso un percorso fatto di performance, incontri didattici, jazz festival e laboratori musicali, aderendo costantemente alle varie iniziative umanitarie e di solidarietà legate all'ukulele in tutto il mondo (da Ukuleles for Peace di Paul Moore a Chiquitica di Updoo World), il gruppo decide finalmente di raccogliere un estratto del proprio repertorio in un primo progetto discografico. Nasce così l'album IN THIS LIFE, un piacevole alternarsi di brani inediti e personalissimi arrangiamenti di grandi canzoni tratte dal jazz, dalla tradizione e dal gospel, ma anche da Janis Joplin, Alicia Keys e Bob Dylan. 

Fatta eccezione per il contrabbasso ed il violino, usati in alcuni brani, l'intero album è suonato esclusivamente da ukulele (dal sopranino al basso) e da strumenti non presenti nei negozi, perlopiù auto costruiti o prototipi.  Anche le Guest Star presenti hanno aderito a questa singolare scelta: Daniele Gottardo, virtuoso della chitarra, ha scelto l'ukulele soprano per regalare un assolo dai sapori del Centro America. Pietro Tonolo ha utilizzato le sonorità vellutate del flutax, lo strumento a fiato di sua invenzione a metà strada tra flauto traverso e sax tenore. Maurizio Bestetti ha preferito le distorsioni di un cigar box assemblato dalla Cooperativa Laboratorio Sociale di Arco (TN) mentre Andrea Verza ha improvvisato con una cossa, strumento a fiato costruito con le parti di una zucca e messo a disposizione dal Museo del Paesaggio Sonoro di Riva presso Chieri. Lorenzo Frizzera ha arpeggiato la sua chiquitica, la chitarra low cost (3 euro) protagonista del progetto sociale pensato per avvicinare allo studio della musica le persone che abitano nei Paesi poveri.

In This Life prende il nome dalla canzone di apertura dell'album, singolo presentato anche dal videoclip girato da Simone Casadio Pirazzoli ed editato da Domenico Giovannini. La canzone è un inno alla felicità, un motto alla gioia che nasce dalla condivisione della musica e dalla solare effervescenza sprigionata dal piccolo strumento e, portando come sottotitolo Ukulele Lovers Family, sottolinea ancora una volta il desiderio di aggregazione e di invito ad essere tutti parte del gruppo.

Gli Ukulele Lovers sono: Annika Borsetto, Ilaria Mandruzzato, Barbara Fortin, Milena Dolcetto, Antonella Pasqualini, Marinella Pavan, Andrea Boschetti, Mattia Martorano, Daniele Saggiorato, Marco Barion, Vittore Dalla Benetta, Alessandro Turchet.

 

INFO | FREE STREAMING | DOWNLOAD

 

 

Da oggi disponibile in CD o in tutti i negozi digitali MAÑANA SERÁ TARDE, il nuovo album di EL V AND THE GARDENHOUSE!

Anticipato dal singolo "EL DOCTOR", il nuovo album dello storico combo bolognese EL V and THE GARDENHOUSE interpreta con decisione il sentimento di questi tempi. Nuove canzoni che raccontano le inquietudini di un gruppo di musicisti che si affaccia ai trent’anni di attività e che non ha intenzione di mollare. “Domani sarà già troppo tardi” racconta EL V nel suo mescolare ingredienti non solo sonori ma anche culturali, linguistici e sociali. È oggi che dobbiamo fare la differenza! È oggi che abbiamo la necessità e l’urgenza di intervenire per riprendere il controllo di questo mondo alla deriva! In questo momento in cui la cultura del muro e della divisione sta prendendo il sopravvento, la musica ci salverà! Proprio la musica come linguaggio unico, il sorriso, l’energia della condivisione, la gioia di tendere una mano a chi potrebbe non farcela, rappresentano il “camino de la vida” che si incontra in questi brani.

Le 12 tracce contenute in MAÑANA SERÁ TARDE trasmettono un profondo desiderio di unione, solidarietà e aggregazione. Le storie raccontate in alcuni di questi brani, come “El Doctor” o “Tamarita”, mettono in luce personaggi straordinari che hanno contribuito a cambiare il loro tempo. Vicende poco note di persone comuni che, con il loro percorso di vita, diventano eccezionali, rappresentando una fonte di ispirazione per la ricerca quotidiana di nuove energie e nuovi stimoli. In canzoni come “Amore Angelito”“I and I” e “Somos de aquí, somo de allá”, EL V esprime quanto sia necessaria una profonda riflessione sul nostro futuro, da vivere con gli altri e dentro noi stessi. Questo nuovo lavoro è interpretato in 4 lingue e, come è nello stile del cantante bolognese, diversi idiomi trovano spesso spazio e convivono nella stessa canzone. Nell’album si mescolano reggae meticcio, raggi di Soul e latinità, in un suono internazionale ma profondamente italiano. Numerosi sono gli ospiti che partecipano al progetto e tra questi SERGENT GARCIA, già al fianco di EL V in numerosi concerti italiani, reinterpreta la sua hit “Camino de la vida” nella nuova versione GARDENHOUSE. Ognuno di questi artisti dona nuove poesie a questo album, colorandolo di passione e globalità.

“…somos el mundo entero dentro de nosotros”

 

Questa la Tracklist:

  1. AMORE ANGELITO
  2. EL DOCTOR
  3. FINE BY ME FEAT Tweneboa
  4. CAMINO DE LA VIDA FEAT Sergent Garcia – La Franci
  5. HO BISOGNO DI ME
  6. PUTA VIDA HERMANA MUERTE FEAT Hueso Negro
  7. LA BRIGATA CORAZÓN
  8. I AND I FEAT Lion Sitte
  9. SOMOS DE AQUÍ SOMOS DE ALLÀ FEAT Hueso Negro
  10. FIESTA
  11. TAMARITA
  12. NON MI VA FEAT Chisco

 

℗ 2017 DEEPOUT RECORDS & © 2017 ALMAN MUSIC
Distribuito da SELF / Believe
Catalogo: DEEP17005 - EAN/UPC: 8056479410750
Safe and Sound Ufficio Stampa

 

  INFO | FREE STREAMING | DOWNLOAD

 

 

Pagina 1 di 6